Storia degli “Appunti per gli Amici”

“Appunti per gli Amici” è un periodico realizzato dai collaboratori di Danilo Dolci con lo scopo di diffondere il più possibile i contributi sociali, politici ed educativi nati dall’operato del Borgo e di tutta la gente che vi gravita intorno.

La rivista è curata da Franco Alasia, allievo e primo collaboratore di Dolci, nonché autore di un’importante inchiesta contro la mafia, che portò al processo di Bernardo Mattarella. La redazione degli Appunti si trova presso il Centro studi e ricerche di Partinico. E’ li che si lavora, già dagli anni Cinquanta, per la realizzazione e diffusione di questi periodici, che sono di fatto dei documenti. Il titolo del periodico richiama la relazione che Dolci intende instaurare con i propri lettori, un passaggio di informazioni necessario per la diffusione di quanto guadagnato dall’azione popolare  che contribuisce quotidianamente al cambiamento.

Agli Amici che seguono il nostro lavoro, allegati a questo numero mandiamo anche i tre articoli di Danilo sul viaggio in India, i sei articoli sul viaggio a New York e la sua relazione all’Università di Yale”. Come procedono le attività del Borgo, quali sono le personalità e i contributi che arricchiscono la didattica, la vita quotidiana e l’animazione politica, quali sono le scelte degli organi politici, e quali le delibere pubblicate, i calendari degli appuntamenti. Insomma una trasparenza completa intorno alle attività di Borgo di Dio. Dove la struttura interna, semplice, diretta e ben organizzata viene di volta in volta gestita seguendo i diversi contributi.